#caffèlibro #BotegaVercelli

Una foto pubblicata da Paolo Amari (@paolo_am) in data:

sabato 28 aprile 2012

La crostata di frutta di Graziella Gentile.


PER LA FROLLA:
- 300 gr di farina per dolci,
- 180 gr di burro,
- 120 gr di zucchero,
- 1/2 stecca di vaniglia o una bustina di vanillina,
- 1 uovo e, se necessario, un tuorlo.

PER LA CREMA PASTICCERA:
- 250 ml di latte intero,
- 2 tuorli d’uovo,
- 20 gr di maizena,
- 50 gr di zucchero a velo,
- 1/2 stecca di vaniglia o una bustina di vanillina.

- Frutta a piacere,
- 1 bustina di preparato per gelatina.

PROCEDIMENTO:
Preparate, innanzitutto, la pasta frolla. Ammorbidite il burro mettendolo nella carta forno e “colpitelo” con il mattarello. Mescolate su un piano da lavoro la farina, lo zucchero e la bustina di vanillina o l’interno di mezza stecca di vaniglia (con un coltello appuntito tagliate per il lungo la stecca e togliete con un coltello a punta tonda l’interno di metà stecca). Tagliare il burro a quadratini e incorporarlo al composto di farina, zucchero e vaniglia, picchiettandolo con la punta delle dita (bisogna prendere i quadratini di burro con le dita e schiacciarli con la farina fino a che non siano tutti sciolti). Aggiungete l’uovo precedentemente sbattuto (giusto qualche secondo) con una forchetta. Ricordate che la frolla non va lavorata molto. Se la sentite troppo dura, aggiungete anche il tuorlo, ma un uovo dovrebbe bastare.

Avvolgere la frolla nella pellicola da cucina e lasciare riposare in frigorifero 2 ore o, in alternativa, 15 minuti in freezer. Ricordate che la frolla può essere conservata in freezer tranquillamente, io di solito ne faccio il doppio e la divido, in modo da averla pronta per la prossima crostata! Basta toglierla dal freezer e metterla in frigorifero 12 ore prima di utilizzarla.

Preparate quindi la crema pasticcera. Mettere sul fuoco il latte con dentro l’interno dell’altra mezza stecca di vaniglia e la stecca stessa. A parte in una ciotola, sbattere i tuorli, prima da soli, poi, con lo zucchero a velo e la maizena fino a formare una crema. Quando il latte arriva a bollore, togliete dal fuoco e incorporatelo lentamente e sempre mescolando alla crema. Rimettere il tutto sul fuoco basso e, mescolando, aspettate che si formi la crema pasticcera. Quando è pronta trasferitela in una ciotola e lasciatela raffreddare coprendola con la pellicola (in questo modo, se premete bene sulla superficie, non si forma la “pellicina”).

Prendete la frolla e lavoratela di nuovo con le mani. Quando è di nuovo morbida (ma non troppo!) stendetela con il mattarello e trasferitela nella teglia antiaderente per crostate. Il trucco è cospargere con un po’ di farina la superficie della frolla e poi arrotolarla sul mattarello. A questo punto srotolate la pasta sulla teglia, tagliate l’eccesso dai bordi con un coltello o, se l’avete, con una rotella, e fate dei buchini qua e là con la forchetta su tutta la frolla. Coprite la superficie con un disco di carta forno su cui dovete mettere dei fagioli secchi e cuocete a 180° per 20-25 minuti nel forno ventilato preriscaldato. Capite che è pronta quando il bordo si è dorato. Appena tolta dal forno la crostata vi sembrerà ancora morbida, ma raffreddandosi, raggiungerà la tipica consistenza della frolla.

Quando è pronta lasciatela raffreddare. A questo punto potete stendere sopra la frolla la crema pasticcera e, successivamente, mettete a cerchio la frutta che preferite.
Infine preparate la gelatina (io uso Tortagel Paneangeli) seguendo le istruzioni della busta e quando è pronta cospargete tutta la frutta.

[Cucinato da Graziella]